La lead generation è fondamentale per tutte le aziende che vendono un prodotto o un servizio. Ma i potenziali clienti non si trovano sugli alberi: è necessario mettere in campo strategie precise e prive di errori, in modo da ottenere risultati utili al proprio business. Vediamo oggi 5 degli errori più comuni nella lead generation che ogni marketer dovrebbe assolutamente evitare.
1- State acquistando lead e non li stai creando organicamente
Acquistare lead potrebbe sembrare una scorciatoia valida, ma a lungo andare comprare liste di indirizzi email (in maniera legale) potrebbe essere controproducente. Per vari motivi, a partire da come potrebbero danneggiare la deliverability e quindi la vostra reputazione per arrivare alle segnalazioni di spam che alcuni utenti, che finora non vi avevano mai sentito prima, potrebbero effettuare. Come risolvere? Cercando di generare lead qualificati in maniera organica, attraverso contenuti, webinar, eventi, whitepaper, etc. Questo richiede sicuramente tempo, ma a livello qualitativo siamo su un altro pianeta.
2- Non state utilizzando il tuo blog per la lead generation
Il blog è ancora un ottimo strumento per la lead generation. Rifornirlo di contenuti di qualità e scritti in ottica SEO significa ottenere posizionamento organici che potranno darvi risultati in maniera continua. Un post posizionato è difatti fonte di traffico anche dopo settimane e mesi dalla pubblicazione. Per questo è importante produrre contenuti davvero interessanti ed inserire all’interno di essi, senza esagerare però, richiami ai vostri servizi sotto forma di call to action, al fine di aumentare le conversioni.
email-marketing-blog
(il grafico mostra i contatti generati dai post pubblicati nell’ultimo mese rispetto a quelli dei mesi precedenti del blog di Hubspot)
3- Non state ottimizzando le pagine migliori
Non tutte le pagine web dovrebbero essere trattate allo stesso modo. In realtà, se si guardano i numeri di traffico, probabilmente scoprirete che la stragrande maggioranza del traffico è in arrivo a poche pagine molto specifiche. Ottimizzare al meglio queste pagine aumenta sicuramente la percentuale di conversione. In questo gli analytics del vostro sito possono corrervi in aiuto.
4- Non state utilizzando strategicamente i social media
Anche i social media sono un veicolo importante per la lead generation, soprattutto perché danno la possibilità di veicolare traffico qualificato verso il sito internet. Come sfruttarli al meglio? Condividendo e sponsorizzando proprio le pagine del blog che hanno raccolto il maggiore interesse degli utenti e che contengono offerte dedicate. Cercate di creare un palinsesto editoriale che sia in linea con il target che volete raggiungere.
5- I vostri form di registrazione sono troppo lunghi o troppo corti
Quanto lunghi dovrebbero essere i form di registrazione? In quanto tempo dovrebbero essere compilati dai vostri utenti? Non c’è una risposta esatta, ma un equilibrio da trovare. Se il modulo è troppo corto pi utenti potrebbero essere disposti a compilarlo, ma la qualità di questi contatti potrebbe non essere molto elevato. Se invece è troppo lungo, meno persone sarebbero probabilmente disponibili a compilarlo ma chi lo farà fornirà dati qualitativamente più alti. Non si può sapere preventivamente il numero esatto di campi far compilare agli utenti, ma è necessario fare analisi sul ROI e sull’importanza di ottenere un numero di telefono, per esempio, per il team di vendita sempre ai fini del risultato.